Se amate il buon vino certamente sapete che esso, per essere assaporato al meglio, va servito nel giusto bicchiere. Quest’ultimo deve avere una forma tale da mettere in evidenza le caratteristiche organolettiche del prodotto: il colore e il bouquet saranno valorizzati in maniera ottimale grazie a un adeguato strumento di degustazione. Esistono diversi modelli di bicchiere, ciascuno adatto a una particolare tipologia di vino. Una regola generale riguarda il materiale con cui tali oggetti sono realizzati, il vetro, che deve necessariamente essere del tutto trasparente. Solo in questo modo sarà possibile cogliere ogni qualità estetica e ogni singola sfumatura della bevanda. Spesso si predilige il cristallo, dotato di eccellente trasparenza e di notevole eleganza.

Come già sottolineato, ogni vino va sorseggiato in un determinato bicchiere. Vediamo insieme quali sono.

Calici per vini bianchi

Per un bianco complesso, ad esempio, sceglierete un calice piuttosto largo, concepito per far risaltare il colore dorato del prodotto e il suo corpo vellutato. Un simile strumento dovrà avere uno stelo lungo e sufficientemente robusto da sostenere il peso di un bicchiere di ampie dimensioni. Per i vini bianchi leggeri, invece, è meglio optare per un calice con luce media, non troppo grande, poiché il colore delicato di un vino del genere viene esaltato alla perfezione in un’area più ristretta.

Calici per vini rossi

Per quanto riguarda invece i rossi, quelli classici necessitano di un bicchiere tondeggiante dal diametro abbastanza vasto. I vini in oggetto, infatti, possiedono un aroma profondo, dominato da note fruttate, che richiede un calice di questo tipo. Per i rossi strutturati, invece, dovrete adoperare un ballon, il bicchiere dei vini importanti, panciuto e contraddistinto da una peculiare forma sferica. Questi calici hanno una luce abbastanza ampia da mettere in risalto l’armonia di aromi che caratterizza simili vini. I ballon, in aggiunta, conferiscono ai rossi strutturati il giusto grado di ossigenazione e permettono anche di roteare la bevanda prima di degustarla.

vino primitivo salento

 

Calici per passiti

Anche per i vini passiti dovrete individuare il bicchiere più idoneo. Si tratta di prodotti molto dolci e zuccherini, che hanno bisogno di un modello dal corpo ridotto e dallo stelo lungo. Di solito, infatti, un vino di questa tipologia viene sorseggiato a piccole dosi. Un discorso diverso va fatto per gli spumanti, i quali vengono assaporati nei tradizionali flûte o in calici un pò più ampi: i primi sono indicati per gli spumanti leggeri, i secondi per quelli più strutturati.

Grazie al giusto bicchiere, quindi, potrete godervi il vostro vino preferito cogliendone ogni singola caratteristica relativa al profumo, al colore e al sapore. I calici arricchiscono notevolmente l’aspetto di una tavola, ma non sono dei semplici accessori ornamentali: essi rappresentano degli alleati preziosi dei prodotti enologici. Altri elementi importanti da tenere in considerazione sono la temperatura di degustazione, che varia a seconda del tipo di vino, e la quantità di bevanda versata all’interno del bicchiere. Questo, infatti, non andrebbe mai riempito oltre la metà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *